Author Archives: wp_1646065

  • 0

AGGIUSTARE LA SINTONIA E CAVALCARE L’ONDA

Di Massimo Bongini

1Cosa spinge quaranta persone ad abbandonare il letto caldo nel cuore di una notte di Dicembre e a percorrere fino a due ore in auto per assistere a un comunissimo sorgere del Sole nei giorni del Solstizio? Cosa li convince a stare in piedi saltellando per resistere al gelo del suolo ghiacciato che sale dalle gambe e irrigidisce il corpo, in attesa del momento fatidico? Cos’è che all’improvviso sospende il respiro e fa dimenticare tutto, quando i primi raggi filtrano le nuvole all’orizzonte, allineandosi perfettamente con l’imponente parete nordorientale di un complesso nuragico di almeno 3500 anni?

Probabilmente ci sono tante risposte quanti erano i presenti. Ma queste esperienze condivise in gruppo sempre più frequentemente in ogni parte del mondo, non possono più essere liquidate come fanatismo new age o pura curiosità di gente annoiata. Anche laddove si è già sostenuti da un credo religioso, oggi inizia ad emergere in modo chiarissimo un bisogno più forte di sentirsi partecipi di eventi naturali per ritrovare un senso e un “riallineamento” con l’armonia delle forze e dei cicli cosmici che stiamo rischiando di perdere del tutto. Armonia ed equilibrio che stiamo iniziando a cercare di nuovo nel nostro corpo attraverso pratiche e discipline vecchie e nuove, ma che stiamo riscoprendo come antica scienza negli studi e nelle scoperte dell’”archeoastronomia”, fino a ieri relegata ad una ristretta elite di appassionati e ricercatori, ed oggi sempre più ascoltata, accettata e indagata anche dalle scienze classiche. Questo attraverso migliaia di megaliti e costruzioni preistoriche che mostrano geometrie e proporzioni multiple (solstizi e lunistizi nelle diverse fasi dell’anno, ascendenti e discendenti siderali, ecc.) in allineamenti e corrispondenze talmente precisi da reggere ampiamente il confronto con i calcoli matematici e statistici di una possibile casualità.

2Se oggi nemmeno da esperti e scienziati ci è dato di comprendere con certezza il significato e l’antico uso di queste “macchine di pietra” (tutto ciò di cui si parla sono solo ipotesi, niente è mai stato dimostrato sinora), da “ignoranti” o neofiti abbiamo però la libertà di recarci in questi luoghi e cercare d’immedesimarci nei nostri progenitori, nella loro visione del mondo e dell’universo, della vita e della morte. E quanto meno ammirare e onorare l’immane sforzo e l’estrema perizia con cui hanno realizzato certi siti. Stare… nel momento in cui in cui un evento ciclico si ripete, ma anche un’alba, un tramonto, una luna piena, un’eclissi… e cercare di ascoltare quell’armonia risuonare come frequenza nelle cellule del proprio corpo, stabilire un contatto e una risonanza coi nostri centri dell’energia sottile.

3

Ma, continuando a farci domande sul valore così speciale dei giorni di questo periodo dell’anno… cos’è il Natale se non la trasposizione cristiana di un evento cosmico celebrato tra tutte le culture in ogni parte del mondo? Cristiana e non solo, perché le “nascite” (ovviamente convenzionali e simboliche) di decine di maestri e guide spirituali, ed anche celebrazioni pagane e misteriche indipendenti da qualsiasi credo religioso, vengono fatte cadere sempre in questa data. Quei giorni hanno una grande importanza, perché segnano un “passaggio di stato” che agisce (secondo antiche e recenti dottrine) su forze ed energie di ogni livello: astronomico-planetario, naturale (i viventi e non dei tre regni sulla Terra) e umano. In sostanza, influenza e risuona col nostro corpo, la nostra psiche e la nostra coscienza. Esiste quindi un valore ancestrale e cosmico che i nostri antenati hanno saputo riconoscere, osservando la Natura, percependo i suoi influssi e mutamenti, le sue Leggi.

4

Cosa “vedevano” i nostri antenati? Dal 21 Dicembre, giorno del solstizio (“sole fermo”), il Sole ormai debolissimo (massima distanza dal piano dell’equatore, minima permanenza nel cielo e a bassissima altezza sull’orizzonte) esita, sembra non farcela a riprendersi. La notte è più lunga che mai. La natura sembra trattenere il respiro in questa fase di sospensione. Nelle antiche celebrazioni, quando gli uomini vivevano ancora secondo i ritmi naturali e in contatto costante con gli elementi, si accendevano fuochi e si facevano riti di “solidarietà” per sostenere e incoraggiare il Sole. Ma ecco che proprio intorno al 25 il sole inizia lentamente a risalire. La sua LUCE riprende a guadagnare tempo e forza sul buio. E’ una rinascita, quello che alcuni chiamano “il ritorno del Sole Bambino”.

5

La morte apparente che vediamo all’esterno corrisponde al massimo movimento profondo, sottile: la spoliazione del superfluo, il ritirarsi nella grotta, il ritorno all’essenza. E così, anche noi, possiamo corrispondere a queste forze che ci influenzano e rimettere ordine nella nostra vita, mettere a fuoco i propositi per un nuovo ciclo. E’ il momento dell’intuizione, della selezione naturale dei semi, da proteggere e nutrire per ciò che vorremo far germogliare, crescere e realizzare di noi. E’ un tempo per la pazienza e la fiducia in una naturale ripresa, nel ritmo e nell’andamento ciclico della vita, che se assecondato ci fa partecipi di un grandioso ordine evolutivo. E’ l’ora delle fiabe, dell’incanto, della meraviglia, della fantasia, della gioia, del canto e del suono, del silenzio, della leggerezza… Del tenere vicine le proprie relazioni, le persone e le cose care. Del condividere affetto e doni in uno scambio simbolico che richiama l’abbondanza e la generosità della natura

Questa… è l’opportunità reale che ancora oggi possiamo vivere se riusciamo ad uscire dal vortice consumistico, dalla distrazione e dall’indifferenza. E’ tutto sotto il cielo a portata di mano. Basta aggiustare la sintonia, connettersi e cavalcare l’onda.

Massimo Bongini

per LifeLive

(L’evento citato nell’introduzione si è svolto il 17 Dicembre 2017 al Nuraghe Santu Antine di Torralba, organizzato e condotto dall’Archeologa Ilaria Montis e dal ricercatore in archeoastronomia Mauro Peppino Zedda. Foto di Massimo Bongini e Adri Gi – Viaggio Parallelo)

1

 


  • 0

I CHAKRA NON ESISTONO

Tags :

Category : I CHAKRA

I CHAKRA NON ESISTONO

Di Massimo Bongini

Quando un sistema di credenze accumulate nel disordine e nella superficialità si cristallizza in un immaginario collettivo distorto e congestionato… bisogna resettare. Azzerare e ripartire dall’inizio.

Materia ed Energia

Quello che noi chiamiamo materia, realtà tangibile, dimensione misurabile e dimostrabile su base scientifica… è di fatto solo una convenzione, una base comune che l’uomo si è dato quando ha deciso di voler esplorare la realtà globale dell’universo coi soli strumenti della logica e del “discrimine razionale”. Più la indaghiamo questa materia e più ci sfugge. Da quando la fisica si è lanciata, con strumenti più sofisticati, nello studio del microcosmo, da un lato ha continuamente constatato sconvolgenti analogie con leggi e realtà del macrocosmo, quello che chiamiamo Universo, e dall’altro non ha trovato altro che “forme dell’Energia”, dovendo sempre rinunciare a poter dire di aver raggiunto il fatidico elemento fondante, la particella originaria della materia.

Immagina 1 blogPerché ogni volta che si crede di trovare qualcosa (è successo per le molecole, poi per gli atomi, poi per i quark…) ogni volta, andando più a fondo, scendendo più nel piccolo, non si scopre che vuoto… e particelle addensate sempre più microscopiche e inafferrabili. Ed “effetti” di un’energia sconosciuta. Gli stessi elettroni sappiamo che non sono mai stati “visti”, ma si può solo osservare l’effetto del loro passaggio, e recentemente si sta persino ipotizzando che non esistano tanti elettroni ma “uno solo”, in tutto l’Universo, “lo stesso”, in ogni atomo, in ogni sistema, non solo in tutto l’Universo ma “in ogni tempo”, perché la sua compresenza in qualsiasi luogo contemporaneamente possiamo spiegarla solo con la sua capacità di attraversare dimensioni ed essere libero dalla linearità del tempo. È il testimone, l’agente invisibile di un’Energia che aggrega, che e tiene insieme tutto ciò che noi chiamiamo “materia”.

Ma quale energia?!!

Etimologicamente la parola ENERGIA significa “FORZA CHE STA DENTRO”: conosciamo forza di gravità, forza elettromagnetica, forza nucleare, cinetica, termica… ogni corpo dotato di massa sembra produrre ed essere nel contempo sottoposto a una continua interazione con numerose “forze”. Stiamo cominciando a capire che “Tutto è energia“e non possiamo più considerare concreto solo ciò che chiamiamo “materia” e che possiamo misurare e riprodurre.

foto blog2

 

Insomma, ciò che ormai costantemente da decenni si rende palese agli esperimenti e ai calcoli della la meccanica quantistica è una fondamentale unità di fondo dell’universo, dove la natura non ci rivela mai la presenza di un “costituente base” isolato e a sé stante, ma ci appare piuttosto come una complessa rete di relazioni e scambi energetici tra le varie parti del tutto.

Che cos’è che lo tiene insieme?!

Anche quando ci spingiamo a indagare in direzione opposta, nel macrocosmo, il mistero s’infittisce. Oggi in astrofisica si da per acquisita la realtà di un Universo molto diverso da come lo avevamo considerato prima. Oggi sappiamo che tutto ciò che pensavamo “vuoto” non lo è. Per cui solo una minima parte di ciò che chiamiamo materia (stelle, pianeti, elementi pesanti e allo stato gassoso…) lo compone. Meno del 5%. Tutto il resto è Materia Oscura ed Energia Oscura.

immagine 3

Sono Forze di un entità e di un potere inimmaginabile, diffuse omogeneamente nello Spazio,che sfuggono attualmente ai metodi di rilevazione perché, diversamente dalla materia conosciuta, non emettono radiazioni elettromagnetiche e si manifestano unicamente attraverso effetti gravitazionali di immensa influenza sui corpi celesti. Costituiscono il 95% di tutto ciò che siamo in grado di constatare dell’Universo e non abbiamo la più pallida idea di cosa siano.

Antiche scienze, antica saggezza

immagine 4

In tutto questo… possiamo stupirci che tutte le culture antiche del nostro passato abbiano avuto un nome (o molti nomi) per questa Energia Vitale Universale?

  • Gli yogi da millenni la chiamano prana
  • Per i Polinesiani è mana
  • Per i Cinesi è il qi
  • In Giappone è il ki, o rei-ki (forza dell’universo)
  • Ippocrate la chiamava vis mediatrix naturae
  • Il medico greco Galeno di Pergamo la chiamava pneuma
  • Il Maestro Hermes Trismegistos la menzionava come telesma
    L’alchimista Robert Fludd la chiamava
    spiritus
  • Per la kabala era luce astrale
  • Per gli esoteristi fluido magnetico
  • Lo psichiatra Wilhelm Reich le diede il nome di energia orgonica
  • Parapsicologia e scienze di frontiera la indicano come bioenergia
  • E ancora per nella mistica e nelle filosofie è stata collegata agli stessi concetti di Spirito, Luce, Dio, Natura, Principio Primo

Possiamo stupirci che questa energia sia da sempre alla base delle conoscenze e dei metodi di cura delle medicine tradizionali di ogni parte del mondo?!

E che, da queste, la realtà umana sia stata sempre considerata come animata da un complesso sistema energetico che la mantiene in relazione con le forze cosmiche? E che gestisce l’equilibrio di tutte le nostre parti? Quella fisica, quella mentale, quella emozionale, quella eterica, quella animica…

I tempi della scienza

Bene. Se desideriamo esplorare questa realtà così importante e non vogliamo passivamente attendere tempi e risultati della nostra scienza ufficiale, non resta che rivolgerci alle discipline tradizionali e alla nostra sperimentazione diretta.

Da una veloce ricerca per avere una panoramica sulle varie descrizioni del sistema energetico umano, possiamo dedurre che ogni scuola, ogni dottrina, ogni cultura ha individuato un suo schema di riferimento. Proprio perché non stiamo parlando di una realtà anatomica, troveremo descrizioni e modalità differenti, ma non per questo contraddittorie. Anche in questo caso, non possiamo pretendere di trovare realtà univoche e incontestabili: sono convenzioni, e per quanto sembrino non coincidere, sono la stessa realtà, o parti della stessa realtà, osservate e gestite da diversi punti di osservazione: Medicina tradizionale Cinese, Medicina Ayurvedica, Pranic Healing, Antroposofia, Bioenergetica, guarigioni spirituali, ecc…

immagine 6-7

La rappresentazione oggi più conosciuta e diffusa nel mondo occidentale è quella “semplificata” della medicina tradizionale ayurvedica indiana, adottata anche da buona parte delle cosiddette discipline olistiche per la sua essenzialità. Questa descrive i “centri dell’ energia vitale”, chiamati “Chakra”, che organizzano, gestiscono e influenzano tutte le sfere del nostro essere, da quella fisica fino a quella spirituale. Questi vortici hanno la funzione di assorbire l’energia universale per alimentare i vari livelli del campo energetico, collegarli con il corpo fisico, e rilasciare energia all’esterno, con un moto di rotazione spiraliforme e una collocazione del loro centro in corrispondenza di punti specifici della colonna vertebrale.

immagine8

Un flusso libero e regolare dell’energia dei chakra è segno di una condizione sana e vitale che interessa tutti gli strati dell’aura; quando invece si riscontrano blocchi, eccessi, squilibri significa che il sistema sta compensando situazioni di anomalia a livello fisico, o a livello mentale, emozionale, animico….

immagine10

Il loro buon funzionamento ed equilibrio quindi è di estrema importanze, perché un’alterazione prolungata è il segno di una stasi evolutiva e può sfociare in patologie comuni vere e proprie.

Derive New Age

immagine 11

L’idea che questi centri dell’energia possano venire aperti o riattivati con speciali tecniche o pratiche, ovvero che la loro condizione di squilibrio possa essere gestita “artificialmente” attraverso l’uso di mezzi esterni al sistema è stata estremamente distorta da molti decenni di mercificazione sconsiderata delle discipline orientali e dalla diffusione di un “esoterismo di massa”che ha condizionato a credere che si possano aprire, chiudere e riallineare i chakra a comando, magari pagando profumatamente l’intervento di un fantomatico taumaturgo. In realtà le tradizioni cercano di spiegare che i centri energetici sono un modo come un altro per rappresentare i diversi strati della coscienza umana e il loro innestarsi nella corporeità.

Immagine 12

Assai improbabile quindi poter agire meccanicamente in sostituzione di una dinamica energetica che è strettamente collegata ad un processo evolutivo animico-spirituale. Senza considerare che, come ben sa chi opera in campo terapeutico, spesso le “chiusure” servono a limitare, proteggere e preservare l’equilibrio di un organismo che lavora male per sue ragioni strutturali, e intervenire in modo improprio non solo non produce consapevolezza ma può addirittura aggravare gli squilibri, causando complicanze psichiatriche e comportamentali.

Ma più comunemente avviene che superato il bisogno indotto da qualche messaggio promozionale tendenzioso e la suggestione di aver ripulito i propri chakra, niente cambia davvero nella propria vita, e si deve tornare a rincorrere nuovi salvatori pescando a caso nel minestrone disordinato dell’offerta del mercato.

7 Chakra?

È importante considerare che l’idea che riusciamo a farci della geografia del nostro sistema energetico non potrà mai corrispondere a un dato reale ma sarà sempre approssimativa e incompleta, una convenzione, un artefatto basato su necessità e folklore della cultura che l’ha generata, utile a prendere consapevolezza di possedere un’anatomia anche energetica che fa da tramite tra noi e la fonte universale di vita. Lo dimostrano non solo le evidenti differenze tra i sistemi elaborati dalle diverse discipline tradizionali del pianeta, ma anche le differenti rappresentazioni e applicazioni dei paradigmi della stessa cultura indiana, derivanti da testi antichissimi che mostrano una realtà molto più ricca e complessa dei sette centri che immaginiamo. Insomma, né i sette, né i cinque, dodici, quindici o venti chakra potranno mai essere presi alla lettera né essere rinchiusi in schemi rigidi.

immagine new

 

Chakra-Test

Se l’intervento forzato, come abbiamo visto, è cosa controversa e delicata, la diagnosi fatta con criterio e guidata dall’esperienza può offrire chiavi di lettura della propria condizione generale e stimolo ad accrescere la consapevolezza di sé.

Immaginen15

Come esistono tanti differenti visioni del sistema energetico umano, ci sono molti modi per valutare la sua condizione. Oltre le metodiche specifiche stabilite da ciascuna disciplina collegata alle tradizioni antiche, in ambito terapeutico si usano altri sistemi. Sono tecniche più o meno efficaci ed eseguite in maniera più o meno corretta e consapevole da diverse categorie di operatori: test percettivi; test radiestesici; metodi basati sull’analisi di preferenze personali, sintomi e vari indicatori; macchine per la cosiddetta “lettura dell’aura” (molto indicative e discutibili), ecc.

Tra questi, non possiamo non segnalare il CHAKRA-TEST di Fiore d’Oriente (http://www.fioredoriente.live/chakra-test/), un metodo autodiagnostico basato su un questionario elettronico frutto di anni di ricerca e sperimentazione e nato dalla collaborazione tra il maestro yoga Maurizio Morelli (www.mauriziomorelliyoga.com) e Riccardo Sabatini di “Fiore d’Oriente” (www.fioredoriente.com). Il test fornisce un quadro complessivo dettagliato della situazione di tutti i livelli energetici e dei rapporti tra loro, aiutando quindi (con l’aiuto di una guida) innanzitutto ad interpretarla, e successivamente ad individuare i trattamenti conseguenti più adeguati che ci permettano di prendercene cura: pratiche, esercizi, alimentazione, massaggi, prodotti specificamente studiati, ecc.

In questo caso, naturalmente, i rimedi suggeriti non hanno la pretesa di risolvere direttamente lo squilibrio ma di mitigare gli scompensi e indagarne la causa. Sono strumenti naturali di aiuto e di supporto ma che richiedono una sincera volontà di intraprendere un percorso di consapevolezza più profonda e globale di noi stessi.

Le parole di Daniel Odier (sceneggiatore svizzero, autore di molti libri sulle tradizioni religiose orientali) calzano perfettamente in conclusione di questo articolo:

Immagine 16

Dimenticate i chakra, la loro percezione è completamente condizionata e illusoria, e dipende dalle vostre credenza. Se pensate che siano sette, ne sentirete sette. Se pensate che siano dodici, ne sentirete dodici. Se credete che non esistano affatto, ne sentirete mille. L’importante è che l’attenzione diventi più intensa, la capacità di concentrazione più acuta, e ciò porta alla possibilità di sentire intensamente tanto le aperture quanto le chiusure”.


Articoli del Blog

Change Language